copertina articolo con titolo

Gianluca Comin: esperto di comunicazione

  Oggi conosciamo Gianluca Comin, esperto di comunicazione, spesso interrogato sulla materia “comunicazione di crisi” e che, in questi ultimi mesi, si è espresso anche sulla spinosa questione di come il governo sta gestendo il caso coronavirus dal punto di vista dell’informazione ai cittadini.

  Nato a Udine il 2 aprile 1963, dopo la maturità classica, che rivela il suo amore per la scrittura sin dalla giovinezza, inizia all’Università il suo percorso in ambito strettamente comunicativo, con l’iscrizione alla facoltà di Scienze della Comunicazione.

  Dopo la laurea, continua la costruzione della sua carriera diventando giornalista professionista. Uno dei suoi primi incarichi è proprio all’interno di una redazione. Infatti, per quasi 10 anni, dall’agosto del 1987 al gennaio 1997, lavora a Roma per Il Gazzettino.

Portavoce presso il Ministero dei Lavori Pubblici

  La sua carriera fa un deciso balzo in avanti nel 1997, quando approda al Ministero dei Lavori pubblici (soppresso con la riforma Bassanini del D.lgs. n. 300/1999, attuata nel 2001 e attualmente accorpato al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti) in veste di capo ufficio stampa e portavoce.

  È qui che inizia il suo percorso legato alla comunicazione in ambito istituzionale. Si occupa di:

  • coordinare le attività del ministero;
  • stabilire il piano comunicativo verso l’esterno e verso l’interno;
  • definire la struttura del sito e coordinarne la strategia;

  In sostanza, gestisce a 360° l’azione e l’immagine del ministero sul piano della trasmissione delle informazioni.

Esperienza presso la Montedison

  Dopo questa prestigiosa esperienza nel pubblico, nel gennaio 1999 mette le sue competenze al servizio di un’azienda privata, la Montedison spa.

  Si tratta di un gruppo industriale e finanziario italiano attivo, fino al 2002, con interessi prevalentemente nel settore chimico ma anche in quello farmaceutico, dell’energia, della metallurgia, dell’agroalimentare, delle assicurazioni e dell’editoria, e antagonista del polo chimico pubblico Eni.

  Il ruolo svolto da Comin è quello di Direttore delle relazioni esterne e responsabile della sede di Roma. Le sue principali mansioni sono:

  • pianificazione dell’attività di comunicazione corporate e finanziaria;
  • gestione della pubblicità del Gruppo Montedison;
  • coordinamento delle attività di comunicazione con i media nazionali e internazionali;
  • gestione dei rapporti con le istituzioni.

Lavoro all'Enel spa e al Gruppo Enel

  Nel settembre del 2001 approda in un’altra importante azienda, la Telecom Italia, col ruolo di responsabile della comunicazione sia interna che esterna e delle relazioni con i media nazionali ed internazionali. È però un rapporto breve.

  Nel giugno del 2002, infatti, Comin approda alla Enel spa, multinazionale Italiana dell’energia dove, fino al 2007, ricopre il ruolo di Direttore della comunicazione occupandosi di pubblicità, relazione con i media, gestione degli eventi e comunicazione interna.

  La sua carriera è in continua ascesa e, dall’aprile 2007 al giugno 2014, presso il Gruppo Enel diventa vice Presidente esecutivo e Direttore delle comunicazioni esterne. Gestisce i rapporti con le istituzioni nazionali ed internazionali e definisce le strategie comunicative esterne e interne del Gruppo.

Fondazione della Comin & Partners

Dopo l’esperienza accumulata tanto nel pubblico quanto nel privato, Gianluca Comin, esperto di comunicazione, decide che è arrivato il momento di mettersi in proprio. Nel settembre 2014 fonda Comin & Partners, azienda ormai da anni al vertice nel suo settore.

  Si occupa di curare, per le aziende pubbliche e private, la comunicazione, le relazioni con i media e con le istituzioni, le strategie digitali e la gestione delle crisi. L’impresa si definisce:

Un team di professionisti della comunicazione e della consulenza strategica con un’esperienza consolidata nella pianificazione e nella gestione di grandi operazioni aziendali, attività di reputation management, campagne di comunicazione e stakeholder engagement e scenari di crisi.

  Per comprendere quanto in alto Comin ha portato il proprio progetto, basta annoverare alcuni tra i suoi clienti più prestigiosi: Google, Rai, Ferrovie dello Stato, Poste Italiane, Sky, Amazon, Nissan, Tim, Vodafone, Linkem, Fendi, Rummo, Università degli Studi Roma Tre, Cattolica Assicurazioni, Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.

  Si trovano aziende di ogni settore: trasporti, telecomunicazioni, istruzione, assicurazioni e banche. L’elenco è molto lungo, è da un chiaro segno dell’affidabilità e solidità dell’azienda costruita da Comin.

Ruolo di professore alla Luiss

  Accanto alla sua attività di esperto di comunicazione presso le aziende, dal 2009 Comin ha intrapreso una carriera come professore presso l’Università Luiss di Roma.

  L’insegnamento che offre agli studenti è quello di Strategie di Comunicazione e tecniche pubblicitarie presso la facoltà di Economia.

  Inoltre, all’interno della stessa Università riveste il prestigioso ruolo di Responsabile Scientifico dei corsi di formazione in comunicazione.

Incarichi attuali

  Per capire ancora meglio chi è Gianluca Comin, esperto di comunicazione ma non solo, bisogna guardare ai suoi mille interessi e impegni nella società. Non solo presidente di un’azienda, non solo professore in una prestigiosa università ma, ad oggi, Comin riveste altri ruoli importanti:

  • Membro del consiglio di amministrazione della Biennale di Venezia;
  • Membro della Giunta Nazionale Confindustria;
  • Vice Presidente di Confindustria Venezia.

Pubblicazioni

  In qualità di esperto di settore e amante della parola scritta, non può certo sorprendere che Comin sia anche autore di numerose importanti pubblicazioni. Vediamone alcune:

  • Comunicazione integrata e reputazione management, a cura di Gianluca Comin (Luiss University Press, 2019);
  • L’impresa oltre la crisi. Per una gestione efficace della reputazione aziendale, (Marsilio, 2016);
  • China’s inevitabile choice, (Longitude, 2013);
  • 2030 La Tempesta Perfetta – Come sopravvivere alla grande crisi, con Donato Speroni: (Rizzoli, 2012);
  • Pubblico e privato insieme per la cultura, (Civita 2012);
  • Il cittadino consumatore (Aspenia 54, 2011)
  • Il modello di comunicazione integrata Enel (in “La comunicazione d’azienda”, Collesei -Ravà- Isedi, 2009);
  • I nuovi strumenti per la gestione del consenso (su “Coopetition”, Simonetta Pattuglia e Sergio Cherubini, Franco Angeli, 2009);
  • La comunicazione alla prova del web (su “Comunicare, un successo”, Igor Righetti, UTET, 2009);
  • Comunicare con gli eventi culturali: L’Estate di Raffaello (in “Comunicare con gli eventi”, Simonetta Pattuglia e Sergio Cherubini, Franco Angeli, 2007)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *